Passaggi in Val Trebbia

La Val Trebbia vanta la presenza di due personaggi su tutti:

il musicista Toscanini e nientemeno che Annibale.

Nel cimitero di Bogli, infatti, troviamo una tomba con il nome di Toscanini,

in cui riposano gli avi del maestro.

Leggendaria è poi la presenza di Annibale: si racconta che il monte Lesima porta il nome di Annibale perché quest’ultimo, salendo sulla cima del monte per vedere le cime in direzione del mare, si ferì ad una mano.
Lesima significherebbe manus lesa, ovvero mano ferita. Testimonianza della presenza di Annibale su queste montagne sarebbe anche il nome di alcuni antichi borghi della Val Boreca, che poco lascia all’immaginazione: Tartago, molto simile a Carthago, Zerba, che ricorda l’isola di Djerba posta di fronte a Cartagine, Cartasegna (Cartegena).


Questo sito utilizza i "cookie" per migliorarne la navigazione e garantire una corretta visualizzazione di tutte le aree delllo stesso. Chiudendo questo banner il visitatore e/o l'Utente Registrato, acconsente all’uso dei "cookie". Per saperne di più vai alla pagina Informativa Cookies.